Montagna
Escursioni, trekking, hiking, mountainbike

Vivere la montagna lucana

Scegli il box, scopri e prenota le esperienze di vacanza e le attività più adatte a voi, a Castelsaraceno e sul territorio, organizzate per tema. Oppure..

Montagna

Monte Alpi

Ubicato nella zona meridionale della Lucania nei pressi dell’alata valle del fiume Sinni, nei pressi del confine con la Calabria. Il Monte è isolato e distinto dal Massiccio del Pollino e rappresenta una delle montagne più alte dell’appennino lucano, toccando i 1900 metri della cima di Pizzo Falcone (la cima gemella Santa Croce 1893 mt.). 

Il monte è paragonabile ad una grossa zolla di calcare cretacico, dalla caratteristica forma cuneiforme, che emerge in modo brusco dai terreni che lo circondano, di formazione più recente.

Da ognuna delle sue vette si possono osservare, simultaneamente, a nord l’alta val d’Agri, ad est il sistema dei calanchi argillosi digradanti verso il mar Ionio, ad ovest il Sirino, la costa tirrenica e le vette più alte del Cilento; a sud, infine, i monti Zaccana e la Spina oltre che l’imponente acrocoro del Pollino, e in condizioni ideali anche la Sila.

Nella zona sono tuttora operanti diverse cave per l’estrazione di materiale destinato all’edilizia e la lavorazione dell’originale pietra grigia di Latronico, utilizzata come marmo ornamentale.

Sulle sue ripide pareti è possibile affrontare diverse vie alpinistiche di varia difficoltà, di roccia e, nel versante Nord, di misto.

Parco del Pollino

Scrigno di inesauribili bellezze. Il Parco si estende a cavallo di due Regioni, Basilicata e Calabria.

 

Dal 1993, il Parco conserva e tutela alcune piante rare, tra cui il pino loricato. Dal punto di vista naturalistico infatti questa zona è di importanza notevole, date anche le foreste di lecci, aceri e faggi che la ricoprono, i diversi fiumi che l’attraversano, tra cui il Sinni, e le diverse specie di animali che la abitano: dal lupo al gatto selvatico, dallo scoiattolo al cinghiale, senza dimenticare il capriolo, unico superstite della grande famiglia dei cervi e dei caprioli che un tempo erano numerosi.

 

Tutta la zona protetta è occupata dai massicci del Pollino e dell’Orsomarso che costituiscono le vette più alte dell’Appenino del Sud, un area naturale che gode di un ampio prestigio, composta di rocce dolomitiche, di bastioni calcarei, di pareti di faglia di origine architettonica, di dirupi, di gole molto profonde, di grotte carsiche, di timpe di origine vulcanica, di inghiottitoi, di pianori, di prati, di pascoli posti ad alta quota, di accumuli morenici, di circhi glaciali e di massi erratici.

 

Il paesaggio ideale per gli amanti della natura selvaggia ed incontaminata dove trovare itinerari tutti da scoprire per chi ha voglia di forti emozioni. Qui è ancora possibile osservare animali e rapaci nel loro habitat e magari in un momento di pausa scovare piccole perle tradizionali dei piatti genuini di una gastronomia ricca di ricette antiche. 

Montagna
Montagna

Parco Appennino Lucano

Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese è un’estesa fascia di area protetta interamente compresa nel territorio della Basilicata, il cui perimetro comprende alcune delle cime più alte dell’Appennino Lucano, richiudendo in un abbraccio l’alta valle del fiume Agri. Si trova nei pressi dei Parchi Nazionali del Pollino e del Cilento e ne rappresenta un area di raccordo e di continuità ambientale.

 

Il Parco Nazionale è il più giovane d’Italia, istituito nel dicembre 2007, la cui notevole estensione longitudinale ne fa un’area ricca di una serie di interessanti biotopi, che vanno dalle fitte faggete delle alture, al caratteristico abete bianco, fino alle distese boschive che si alternano a pascoli e prati. 

Le tante aree coltivate sono il segno della forte presenza della mano dell’uomo in questo Parco che, come dimostrano i siti archeologici di Grumentum e le numerose mete religiose. 

Una zona che fin dall’antichità si presenta come uno splendido crocevia di tradizioni, arte, cultura e fede.

 

Monte Raparo

Paesaggi dal grande fascino si delineano osservando dalla vetta del Monte Raparo (1761 mt.). Da qui si può ammirare un panorama che abbraccia tutta la vallata del fiume Agri

Con le sue forme armoniose, il monte rappresenta un naturale confine che divide le valli dell’Agri e del Sinni. Come la maggior parte dei versanti della zona, la conformazione si presenta con pareti calcaree spoglie che si alternano ad una vegetazione rada. Una vista panoramica mozzafiato che copre l’area a 360°.

 

L’area del Raparo è percorso da numerosi sentieri e una folta moltitudine di sentieri sterrati di tutti i gusti, difficoltà e dislivelli che consentono la possibilità di intraprendere escursioni durante le quali godere dei magnifici paesaggi. 

La montagna dai mille orizzonti sempre pronti a sorprenderci con la loro incontaminata bellezza.

Montagna
Montagna

Monte Sirino

Si trova nell’omonimo massiccio ed è la cima più conosciuta e maggiormente attrezzata per ospitare turisti. Il nome deriva dall’antico nome del fiume Sinni (prima Siris) la cui foce passa tra i paesi di Rotondella e Policoro

 

Il Monte Sirino è una delle località sciistiche più attive nel Sud Italia grazie ai suoi numerosi impianti presenti nella zona di Lauria e Lagonegro.

Sono numerose le attività da praticare: sci di fondo, sci alpino, escursioni e ciaspolate.

 

Sono presenti due seggiovie che permettono di accedere alla pista Forcella Monte Papa dalla lunghezza di 2,2 km, ma anche alla pista Principianti e quella Monte Sirino, tuttavia attraverso una sciovia. Per i principianti vi è anche anche la possibilità di accedere ad una scuola, con veri e propri istruttori.     

CASTELSARACENO WEBCAM E METEO

PRENOTA ORA

Acquista il ticket online del ponte,
prenota un alloggio o un’esperienza.

COMUNE DI CASTELSARACENO Info e ticket point

Piazza Piano della Corte – 85031 Castelsaraceno (PZ)

» contatti
» hashtag ufficiali:
#visitcastelsaraceno    #castelsaraceno586

seguici su:

NEWSLETTER
PIANIFICA LA VACANZA

Senti il tuo stato d’animo estremo
Scopri il territorio di Castelsaraceno: esperienze e attività all’aria aperta per tutti i gusti, come: il ponte tibetano più lungo al mondo, escursioni, trekking, Mtb e tanto altro.

Lasciati deliziare dalle specialità locali
Viaggio nei prodotti e sapori della tradizione enogastronomica lucana. Dal peperone crusco alle varie specialità ovi-caprine. Riscoprire la genuinità dei prodotti locali.

La vostra casa lontani da casa
Bed and Breakfast & Case vacanza a Castelsaraceno e soluzioni Hotel dove soggiornare nei territori limitrofi con servizi di qualità e convenienza per la vostra vacanza.

PIANIFICA LA VACANZA

Senti il tuo stato d’animo estremo
Scopri il territorio di Castelsaraceno: esperienze e attività all’aria aperta per tutti i gusti, come: il ponte tibetano più lungo al mondo, escursioni, trekking, Mtb e tanto altro

Lasciati deliziare dalle specialità locali
Viaggio nei prodotti e sapori della tradizione enogastronomica lucana. Dal peperone crusco alle varie specialità ovi-caprine. Riscoprire la genuinità dei prodotti locali

La vostra casa lontani da casa
Bed and Breakfast & Case vacanza a Castelsaraceno e soluzioni Hotel dove soggiornare nei territori limitrofi con servizi di qualità e convenienza per la vostra vacanza

COMUNE DI CASTELSARACENO

Piazza Piano della Corte, 1
85031 Castelsaraceno (PZ)
» contatti

seguici su:

Newsletter

WEBCAM LIVE
PONTE TIBETANO

Il ponte tibetano più lungo del mondo


SAREMO PRESTO
PRENOTABILI ONLINE!

Registrati! Quando il Webshop sarà attivo, riceverai un alert via e-mail. 
Facile, sicuro, comodo.

– feel your extreme mood –